Area C Milano

areac

Dove si trova e che cos'è l'Area C?

Area C è una Zona a Traffico Limitato di 8,2 metri quadrati (3,2 miglia quadrate) nell'area centrale della Cerchia dei Bastioni del comune di Milano, con un accesso ristretto ai veicoli. Per accedere a quest'area con un veicolo dovete pagare una tariffa acquistando un ticket speciale di ingresso.

Clicca qui per vedere una mappa dell'Area C

Quanto bisogna pagare?

Per un ticket standard, valido per un giorno, il costo è di 5 euro. Potete anche comprare biglietti validi per più giorni per 30 o 60 euro.

Come e dove si paga per il ticket di accesso?

Potete pagare per il ticket di ingresso attraverso i parchimetri, gli sportelli automatici della compagnia dei trasporti milanese, i bancomat di Intesa San Paolo, nei garage, nei tabacchini, per via telefonica o online.

Ecco come pagare per il ticket di accesso.

Metodi di pagamento

Sono disponibili vari metodi di pagamento. Potete pagare con una carta di credito quando pagate online, al telefono, ai parchimetri e da Intesa Sanpaolo. Potete pagare con una carta di debito quando pagate via Telepass per un veicolo registrato in Italia. Potete usare il denaro contante per pagare nei parchimetri e dai venditori al dettaglio. Il Pagobancomat può essere usato da Intesa Sanpaolo o nei parchimetri.

Bisogna acquistare un ticket d'ingresso se non si possiede un'auto?

Avete bisogno di un ticket di accesso solo se avete in programma di guidare un'auto nell'area a traffico limitato. Non è richiesto alcun ticket per gli accessi a piedi. Inoltre, nessun ticket è richiesto per accedere attraverso il trasporto pubblico.

Bisogna attivare il ticket?

Si! Una volta acquistato, bisogna attivare il ticket.

Ecco come attivare il ticket.

Bisogna pagare ogni volta che si accede?

Il biglietto di accesso è valido solo per un giorno, ma si può accedere ogni volta che si vuole nel periodo di validità.

Come si accede?

Dopo aver acquistato e attivato il biglietto, potete entrare nell'Area C attraverso 36 di 43 punti di accesso. Sei sono disponibili solo per il trasporto pubblico e uno è usato per i permessi di accesso speciali, quindi potete scegliere tra gli altri 36 punti di accesso.

Clicca qui per vedere una mappa dettagliata degli accessi all'area.

Come vengono applicate le restrizioni? Non posso semplicemente guidare nella zona?

La zona a traffico limitato è monitorata da telecamere per assicurarsi che nessuno acceda alla zona a senza un ticket valido.

Quali sono gli orari e i giorni di attività dell'Area C?

Le limitazioni al traffico sono attive solo nei giorni feriali (lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì) dalle 7.30 alle 19.30, con l'eccezione di giovedì. Gli orari del giovedì sono dalle 7.30 alle 18.30. Nei giorni festivi, l'area è aperta e non servono ticket. Anche nei weekend (sabato e domenica) non sono necessari ticket di accesso.

Possono entrare tutti i veicoli?

Attualmente, l'accesso è negato ai veicoli a benzina euro 0 e ai veicoli diesel euro 0, 1, 2 e 3. Anche i veicoli a diesel euro 4 senza DPF hanno l'accesso negato, a meno di deroghe personali. Il divieto riguarda anche tutti i veicoli più lunghi di 7,5 metri. Le restrizioni aiutano a far fluire il traffico e a tagliare le emissioni di inquinanti.

Ogni auto deve pagare? Chi può accedere gratis?

L'accesso è gratuito nei seguenti casi:

  1. Quando si accede all'area con veicoli elettrici, ibridi e a biocarburante, o con gli scooter
  2. Se si accede all'area con il trasporto pubblico
  3. Se si sta viaggiando nell'area per raggiungere un ospedale in caso di emergenza o di cure salvavita
  4. Se si sta trasportando qualcuno con una disabilità

Anche le auto straniere devono pagare?

Si, le regole si applicano anche a loro.

Anche i residenti devono pagare queste tariffe?

Coloro che vivono nell'Area C devono comunque pagare una tariffa per accedere all'area con un veicolo. Tuttavia, i prezzi dei ticket sono ridotti da 5 a 2 euro, e i residenti hanno a disposizione 40 accessi gratuiti all'anno.

Questo sistema è permanente? Quando è stato introdotto? Qual è la storia?

L'Area C è stata introdotta come programma test di 18 mesi dopo un referendum nel giugno del 2011, che ha stabilito che Milano aveva livelli eccessivi di inquinamento prodotto dai veicoli. Dopo quei 18 mesi, il programma si è rivelato un successo, anche se è stato sospeso tra il 25 luglio e il 17 settembre 2012 a causa di una protesta. È stato approvato in modo permanente il 27 marzo 2013.

Qual è lo scopo dell'Area C?

Erano tre le principali ragioni che hanno portato all'introduzione di questo sistema.

  1. Il primo obiettivo era di ridurre gli ingorghi del traffico che si producevano ogni giorno nella sezione centrale di Milano. I problemi del traffico avevano afflitto l'area per molto tempo, principalmente a causa del trasporto di beni vari in grandi camion.
  2. Quindi, la zona speciale serviva anche a promuovere un trasporto sostenibile e il trasporto pubblico, nella speranza di ridurre l'impatto culturale e ambientale negativo del trasporto privato.
  3. Il terzo scopo era la riduzione dei livelli di smog, che erano diventati una seria preoccupazione per i 77.000 residenti dell'area e di Milano in generale.

Con queste restrizioni, la qualità della vita è migliorata. Il numero di incidenti, il rumore causato dai grandi camion e veicoli, e i parcheggi fuori controllo sono crollati. L'aria è più pulita e l'inquinamento è meno significativo.

E per quanto riguarda i soldi della tariffa di accesso? Dove vanno?

Il denaro viene indirizzato verso le strutture della mobilità ed è usato per creare piste ciclabili, zone pedonali e zone veloci speciali.

Funziona?

La congestione del traffico a Milano è diminuita considerevolmente dopo l'introduzione dell'Area C. In media, c'è stata una riduzione di quasi il 30% negli accessi delle auto alle zone a traffico limitato nella prima metà del 2015 in confronto allo stesso periodo del 2011. La maggior parte degli utenti accede solo qualche volta all'anno, con circa il 66% dei veicolo che entra nell'area solo quattro volte o meno durante l'anno. Inoltre, più del 70% dei residenti nell'area non usa tutti i suoi 40 accessi gratuiti nel corso di un anno.